Pedru Felice Cuneo-Orlanducci

Témoignage

La langue Manchoue ; Da a cima à u fondu...

 

A sapemu avà chì l’aghju dighjà detta ùn sò quante volte nant’à stu bloggu : a storia di a sparizione di e lingue hè spessu à mette in ligame incù a storia di u culunialisimu, di l’invasione d’una nazione da un altra. Spessu, ma e cose ùn sò micca cusì sistematiche, chì una lingua detta di i maestri pò ancu qualchì volta strangulà si fin’à esse supranata da un’altra. Cusì si pò parlà per esempiu di a lingua mandsciù, chì per esse stata per parechji seculi a lingua maestra di l’imperu di China, si n’hè duvintata oghje una lingua à l’oliu santu.

Populu di a Siberia Urientale, i Mandsciù, chì tandu si chjamavanu i Ghjurcen, fubbinu per seculi è seculi una sterpa di pastori andacciani di u centru este di l’Asia, guasgi cum’è i Mongoli, appena più in sù. A so situazione geugraffica particulare li cunferì attempu qualchi leia intarmittenti incù u tamantu Imperu di u Mezu è incù ogni reame è imperi Mungoli di u so tempu.

U so parlà, riccu à bastanza, appartene à u gruppu di e lingue tunguse – lingue parlate da qualchì populu di China è di Siberia – chì si po appicà à a grande famiglie di e lingue altaiche, accant’à e lingue turche è mungole. Spruvista d’articulu definitu è di gennaru grammaticale, a lingua mandsciù s’assumiglia à bastanza à l’altre lingue tunguse di u circondu incù assai sustantivi è verbi è pochi aghjettivi è avverbi. Si ponu mintuvà assai parolle d’origine mungole o chinese è forse, per certi linguisti, un pugnu di detti ghjappunesi dinù.

Mentre a prima meità di u dicesettesimu seculu, i pastori si fecenu guerrieri, lascionu u so nome di Ghjurcen per quellu di Mandsciù è dopu à tante battaglie, s’impatruninu a China sana sana, vinsenu à i famosi è pudenti Han, mandendu ancu à caternu a so dinastia per impone a soia.

Suvitendu a storia di u so populu, u mandsciù duvintò a lingua di l’imperatore. Lingua orale fin’à tandu, u mandsciù fù appinzatu nant’à un fogliu da u sapientu Takhai sott’à u cumandu di u capimachja mandsciù Huang Taiji, u babbu di u primu imperatore Qing, per via d’un salteru cun vinti quattru segni, incalcatu nant’à quellu mungolu. Da tandu, a lingua pobbe esse stampata in ogni ducumentu ufficiale di stu tempu

Puru ùn fù mai aduprata a lingua da ogni populu di l’immensu imperu celestu, firmendu solu a lingua di i pudenti è di i funziunarii. Di fattu, quandu fù pruclamata a prima Republica di China in u 1911, fù abbandunatu u mandsciù da l’amministrazione è principiò à cade è à smarisce. Scorsa l’ufficialità, scunsiderata, a lingua mandsciù fù ancu tralasciata da unepochi di Mandsciù elli stessi chì si sentianu vergugnosi di a so cultura è di a so identità. A disparizione di sta lingua fù ancu puru accelerata da e campagne d’eradicazione di e culture tradiziunale messe in ballu in tuttu u vintesimu seculu.

Oghje sò pochi pochissimi i locutori originali di sta lingua chì fù tandu cusì forte. L’altante di l’UNESCO di u 2010 ùn ne conta ch’è dece. Dece locutori per un populu di dece milioni di parsone, è forse ancu menu oghje. Spavintosu bilanciu !*

Per furtuna, crescenu i dispusitivi è l’iniziative à prò di a so salvezza. Ci sò i ghjovanni in brama di riacquistà si a so cultura chì piglianu oghje corsi di lingua antica per mantene a so identità.

Malgratu u puntu streme in chì si trova oghje, a fiamma di a sperenza ùn hè dunque ancu spenta per a lingua mandsciù. Ma per esse sicuri ch’ùn si spenghi a lingua da quì à a fine di u seculu, a questione ferma aperta nant’à l’arnesi pulitichi à mette in ballu.

 

 

* Appena di più sè no aghjustemu dinù i locutori di u cibo, una lingua vicina vicina chì si parla assai in u Xinjiang, à u punante, in i rughjoni in chì campanu un sterpinu di discendenti di culoni mandsciù di quattru seculi capunanzu.

Per quelli chì volenu sapè ne di più nant’à stu puntu, li cunsigliu stu ligame.